Come strappare i jeans

come strappare i jeans

I jeans strappati hanno un fascino davvero senza tempo. Sin dagli anni ’80, infatti, rappresentano un vero e proprio status symbol. Ma come fare per strappare i propri jeans senza rischiare di rovinarli? Ecco qualche consiglio utile.

Jeans: ecco come strapparli
La prima cosa da fare quando si decide di cimentarsi nel fai-da-te è scegliere un paio di jeans che non hanno un valore affettivo particolare. In questo modo, dunque, si avrà la possibilità di fare pratica senza alcun genere di timore. In ogni caso, è utile fare presente che si tratta di un’operazione davvero molto semplice. Per rendere lo strappo molto più facile si consiglia di lavare i pantaloni in acqua calda e di aggiungere della candeggina.

Ma quali sono gli attrezzi necessari per lo strappo?
In primo luogo, è necessario procurarsi una spugnetta abrasiva e della carta vetrata. Oltre a questi due attrezzi del mestiere, sarà opportuno procurarsi un coltello a seghetto, delle forbicine o, in alternativa, un comunissimo taglierino. Inoltre, è consigliabile avere a disposizione anche un pennarello ed un giornale da infilare nella gamba dei jeans da strappare in modo tale da non tagliare anche la parte che deve rimanere intatta. Per invecchiare i jeans sarà sufficiente grattare con la carta vetrata le parti che dovranno essere strappate.
Per fare in modo che gli strappi siano precisi si consiglia di indossare i jeans di fronte ad uno specchio.

Strappi e tagli: a cosa fare attenzione
Prima di procedere con i tagli e gli strappi, è utile ammorbidire ancora una volta i pantaloni. Per farlo è sufficiente stendere dei giornali sul pavimento e continuare a strofinare con la carta vetrata. Questa tecnica serve per assottigliare il tessuto e renderlo molto più facile da tagliare. A questo punto, non resta altro da fare che munirsi di forbici o taglierino ed intervenire nelle zone segnate con il pennarello o, in alternativa, con un comune gesso da sarta. Se si desidera un effetto cosiddetto light è opportuno fermarsi non appena si vedono i primi fili bianchi.

Per strappi più evidenti, non resta altro da fare che strappare i vari fili con le mani o con delle pinzette. Insomma, strappare un paio di jeans non è affatto difficile.
L’importante è fare attenzione a non rovinare i jeans e, soprattutto, a non tagliare anche le parti che, invece, dovrebbero rimanere intonse.
Gli strappi nei jeans sono un vero e proprio valore aggiunto in grado di trasformare un pantalone classico in un capo d’abbigliamento originale ed unico. A questo punto, non resta altro da fare che mettersi all’opera con forbici e carta vetrata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*