Cos'è l'Aerodance?

Cos’è l’Aerodance

aerodance cos'è?

L’aerodance è una delle ultime novità nell’ambito fitness.

Come suggerisce il nome si tratta di un allenamento di tipo aerobico, ovvero caratterizzato da esercizi in cui si stimola particolarmente la respirazione, utile per “bruciare” una grande quantità di grassi in tempi relativamente brevi.

Il pilastro portante è il ballo, senza particolari restrizioni: si va dalla danza moderna a quella più soft, passando per i generi latini e funky, a discrezione dell’insegnante. Alle figure di danza vengono aggiunte le movenze tipiche dell’allenamento a corpo libero, sollecitando per intero il sistema muscolare. Un ottimo espediente per divertirsi, grazie alla musica utilizzata per coordinare e memorizzare i movimenti, e al tempo stesso apprezzare degli enormi benefici sulla propria forma fisica.

Per chi è indicato l’ aerodance?

Non si può negare che una disciplina di questo tipo comporti degli sforzi a cui bisognerebbe prepararsi preventivamente. Nonostante ciò l’elasticità dei programmi di allenamento rende l’aerodance “adattabile” alle esigenze di chiunque, dai giovani agli anziani, dai più sportivi ai più sedentari. Anche il sesso non rappresenta un fattore di rilievo: è naturale che in una palestra in cui si pratica la danza aerobica si trovi un gran numero di donne, ma nulla impedisce agli uomini di partecipare con successo alle lezioni. A causa del gran numero di muscoli coinvolti è consigliabile affrontare l’aerodance dopo un periodo di preparazione, o semplicemente dopo aver consultato il proprio medico di fiducia o un personal trainer esperto.

I benefici dell’ aerodance

La danza aerobica rientra nella categoria del cosiddetto “cardiofitness”. La pratica di tali programmi porta l’organismo a richiedere una grande quantità di ossigeno, motivo per cui il sistema cardiovascolare viene utilizzato e potenziato al meglio mettendo in circolo un elevato volume di sangue. Tra i vantaggi principali, quindi, senza dubbio è presente l’incremento della circolazione. Inoltre la soglia di fatica tipica della danza movimentata (tra il 50% e il 70% della massima frequenza cardiaca raggiungibile) favorisce l’impiego continuo degli acidi grassi come fonte di energia; è semplice quindi ricondurre l’aerodance a una significativa perdita di massa grassa a lungo termine, soprattutto se accompagnata da un’alimentazione opportunamente controllata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*