Metodi naturali per schiarire i peli

come schiarire peli

La lotta ai peli superflui esiste ormai da sempre, perché risultano antiestetici alla vista, poco femminili e senza più alcuna utilità nel mondo moderno e attuale, ma in molte non sopportano il dolore del bulbo strappato alla radice dalla ceretta, nè trovano adeguata la soluzione della rasatura con lametta per l’infoltimento che ne deriva. Come risolvere allora questo diffusissimo inestetismo? La scelta della tecnica di schiarimento con metodi naturali può rappresentare una validissima alternativa.

Schiarire i peli del corpo e del viso con la camomilla

Per lungo tempo la camomilla è stata utilizzata per ottenere uno schiarimento completamente naturale dei capelli, in modo da regalar loro un riflesso dorato o biondo caldo. Allo stesso modo si può sfruttare questa proprietà schiarente per rendere meno visibili i peli del corpo e soprattutto quelli del viso, utilizzando un metodo naturale e senza rischi perché l’applicazione di filtri imbevuti di camomilla è molto delicata ed anche emolliente.
Per schiarire i peli con questo metodo sarà sufficiente mettere a bollire dell’acqua in un tegame e immergerci successivamente dalle 5 alle 10 bustine di camomilla. E’ importante non mettere troppa acqua perché più la soluzione è concentrata, più velocemente si otterranno i risultati. Una volta intiepidita la camomilla così ottenuta, bisognerà immergere dei panni di tessuto pulito (per il corpo) o dei dischetti di cotone (per il viso) nella soluzione, per poi lasciarli in posa per mezz’ora sulla zona del corpo dove sono presenti i peli. La procedura va ripetuta tutti i giorni fino ad ottenimento dello schiarimento effettivo e visibile dei peli.

Acqua ossigenata e bicarbonato, per un risultato più rapido

Si possono schiarire i peli del corpo con metodi naturali ma molto più veloci, utilizzando però due ingredienti leggermente meno delicati: acqua ossigenata e bicarbonato.
Per ottenere l’inbiondimento dei peli sarà sufficiente mescolare due parti uguali di bicarbonato e acqua ossigenata, fino ad ottenere un composto omogeneo che verrà spalmato sulla zona interessata.
E’ importante non usare questo metodo sul viso.
Questa miscela va tenuta sulla pelle per circa 10-15 minuti, per poi essere risciacquata con acqua fresca, ripetendola almeno tre volte a settimana, fino ad ottenere la gradazione di biondo desiderata.
Poiché questa soluzione può risultare un po’ meno delicata della prima, è fondamentale utilizzare delle creme emollienti dopo il risciacquo della posa ed evitare l’esposizione al sole, in modo da non rendere la pelle troppo sensibile esponendola ad insulti fisici e chimici.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*