Pilates: esercizi, benefici e controindicazioni

Con il Pilates si ottengono facilmente addominali scolpiti e muscoli tonici

pilates

Quando il nostro corpo è in salute e la mente è in pace si raggiunge un livello di benessere strettamente legato alla felicità. Raggiungerlo è un percorso a ostacoli ma in questo viaggio vi sono alcune attività fisiche che ne abbreviano la distanza. Il pilates è una di queste.

Pilates: che cos’è?
Questa disciplina sportiva è entrata in voga negli ultimi anni ma dalla sua ha una storia di quasi un secolo. Il suo nome deriva dal suo creatore Joseph Pilates che racchiuse una moltitudine di discipline orientali (yoga, meditazione, controllo della respirazione e fitness) in un unico movimento.
Se la maggior parte degli sport gioca sulla competizione, lo sforzo continuo e l’aumento del carico muscolare, questo invece punta tutto sull’equilibrio tra corpo e mente, che non entrano in competizione ma danno supporto l’uno all’altro.

Quali sono i benefici derivanti dal Pilates
Consigliato spesso negli individui che necessitano di riabilitazione ortopedica, è in realtà utile per qualunque soggetto di qualsiasi età; la tonificazione muscolare perpetuata dal pilates ha infatti ripercussioni positive sugli arti e sulla colonna vertebrale, sulla postura e sulla respirazione in generale.
Ha una forte influenza anche sullo stress e sulla psiche ed è per questo che è consigliato per le donne in gravidanza e chiunque stia passando un periodo caotico.
Per chi soffre di cellulite, il Pilates è un aiuto sia nella componente psicologica, sia nel miglioramento della forma fisica, aumentando la circolazione sanguigna e, quindi, il ritorno venoso e la lotta alla ritenzione idrica.

Gli esercizi migliori per il pilates
Esistono diverse correnti di questa disciplina, correlate al tipo di risultato che la persona vuole ottenere.
In generale possiamo dire che vi sono più di 500 esercizi da compiere a corpo nudo o con l’ausilio di specifici attrezzi (la palla e l’elastico sono i più utilizzati) e tutti con un massimo di 3 ripetizioni. Nel pilates non è importante la quantità ma la qualità dei movimenti, ognuno di essi è infatti compiuto molto lentamente e seguendo un ritmo lineare e preciso.

Chi può praticarlo?
Non ci sono specifiche controindicazioni il pilates, può essere praticato da chiunque desidera fare fitness, incluso chi necessita di una riabilitazione dopo un serio intervento ortopedico, adatto per le donne in gravidanza, il pilates è un ottimo antistress.

Quali sono le controindicazioni?
Non vi è una vera e propria controindicazione, grazie alla metodologia con cui il pilates viene applicato.
L’unica accortezza va riservata alle donne gravide e alle persone che hanno dei problemi alla schiena. Munirsi di un certificato medico, del suo consiglio e di una scheda mirata e personale dell’istruttore di pilates è sicuramente la cosa migliore da fare per evitare movimenti che potrebbero peggiorare una determinata situazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*